+39 320 1127789

Palla dipinta a mano “E' il tempo che hai perduto…

“E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante”

Antoine de Saint-Exupéry

Con una frase semplice “Mi disegni, per favore, una pecora?” ha inizio il rapporto tra un pilota di aerei, precipitato nel deserto del Sahara, e il Piccolo Principe. Il libro è una sorta di dialogo tra un adulto e un bambino, dove il Piccolo Principe rappresenta un’età che spesso gli adulti dimenticano di aver vissuto, e attraverso la sua figura, l’autore dà nuova vita al mito dell’infanzia, dove tutto è meraviglia e stupore. Il protagonista, una volta lasciato il suo pianeta dopo una lite con la sua rosa, incontra una serie di personaggi, ciascuno a sua volta abitante un proprio pianeta, attraverso i quali vengono rappresentati i difetti più comuni in cui il genere umano incappa nell’età adulta: il Piccolo Principe conoscerà un re con smania di potere, un burocrate fissato con le regole, un vanitoso, un ubriaco, un uomo d’affari, schiavo dell’ansia di contare le stelle che crede di possedere, un geografo che sa molte cose ma che non riesce a condurre un’ esistenza valorosa.

Al Piccolo Principe, e quindi a Saint-Exupéry, tutto ciò che per loro è importante appare, invece, come superfluo perché questi uomini rappresentano quanto di più lontano c’è dal senso vero e autentico delle cose e dei rapporti tra le persone. Tutte le occupazioni e le attività delle persone incontrate non tengono conto dei sentimenti e dello stupore che la vita può destare in ciascuno di noi. Quello che traspare dal libro Il piccolo principe, che ha segnato generazioni con il suo significato tangibile, è che solo i bambini riescono a cogliere la vera essenza della vita, perché gli uomini, crescendo, perdono il candore e il contatto con le cose importanti, non cogliendo più il senso di ciò che possiedono, che vivono e provano.
Lo sa bene il bambino biondo appassionato di tramonti che l’Aviatore incontra nel deserto: l’essenziale è invisibile agli occhi e lo sa bene ancora quando comprende che é il tempo che ha dedicato alla sua rosa che ha fatto della sua rosa una cosa così importante!

Quello che traspare dal libro Il piccolo principe, che ha segnato generazioni con il suo significato tangibile, è che solo i bambini riescono a cogliere la vera essenza della vita, perché gli uomini, crescendo, perdono il candore e il contatto con le cose importanti, non cogliendo più il senso di ciò che possiedono, che vivono e provano.

L’opera, sia nella sua versione originaria che nelle varie traduzioni, è illustrata da una decina di acquerelli dello stesso Saint-Exupéry, disegni semplici e un po’ naif  che sono celebri quanto il racconto.

Quindi un omaggio, il nostro, alla poetica di questo breve quanto intenso manuale sentimentale: palle che riprendono le illustrazioni e le frasi più significative del libro così da donare qualcosa che sia un pensiero, uno sguardo candido e puro come quello dei bambini e soprattutto del nostro amatissimo piccolo principe!

20151123_094756 (2)

 Ed eccone pronta una: che parte, che è destinata ad un cliente che non conosco, che ha scelto di acquistare on line… ma che sicuramente è affine a noi, al nostro modo di vedere il mondo e le piccole cose fatte a mano!

Grazie!

E si comincia ad allestire … il Natale

Per noi di Gattacicova è ancora presto e in verità siamo sempre in ritardo e non ci dispiace affatto: i tempi di una bottega artigianale sono lenti, scanditi dall’ispirazione, dalle prove, dalle cose che non riescono come vorremmo, dai disegni nuovi, dalla laboriosa manodopera che rende ogni nostra piccola opera un dono diverso, con un’anima forse… perché certe volte i nostri angioletti sembrano davvero sorridere e le nostre palle dell’albero riverberano di quel sapore antico di quando le cose si collezionavano negli anni, si compravano quasi con un senso di peccato ma proprio per questo: che meraviglia poi possederne una! Che bello viziarsi ogni tanto perché ciascuno di noi un po’ se la merita una coccola! Da questa domenica le gattine espongono il “Natale 2016” …  Passate gente a dare una sbirciata, a cercare quella cosa che, non me ne vogliano gli altri, troverete solo da noi!

Lucine accese… si sogna!

1478078399176

cof

mde

mde

Se ci sono foto a cui davvero tenete, createne delle copie fisiche. Stampatele”

Secondo Vint Cerf, uno dei “padri” di internet, durante un suo intervento di qualche tempo fa:

“Quando si pensa alla quantità di documenti presenti nelle nostre vite quotidiane e immagazzinati in forma digitale come le e-mail, i tweet e tutto il web, è chiaro che potremmo perdere una grossa fetta della nostra storia. Non vogliamo che le nostre vite digitali scompaiano. Se vogliamo preservarle dobbiamo assicurarci che gli oggetti digitali che creiamo oggi siano ancora accessibili nel futuro”.
E ancora, più specificamente per le foto:

“Nel nostro zelo, presi dall’entusiasmo per la digitalizzazione, convertiamo in digitale le nostre fotografie pensando che così le faremo durare più a lungo, ma in realtà potrebbe venir fuori che ci sbagliavamo. Il mio consiglio è: se ci sono foto a cui davvero tenete, createne delle copie fisiche. Stampatele”

Per preservare i nostri ricordi dobbiamo quindi necessariamente trasformarli in qualcosa di duraturo, qualcosa che si possa fruire a distanza di tanti anni. E per quanto riguarda le fotografie, l’unica soluzione è quella di stamparle, almeno quelle a cui teniamo di più; non c’è niente di più bello, per quanto mi riguarda, che andare a casa dei miei genitori e prendere l’album con la data 1975, anno della mia nascita e sfogliarlo e così per gli anni a seguire: i ricordi della maestra delle elementari, del primo saggio di danza, della prima comunione e così via…

Sicuramente la foto sul telefonino è comoda e ci permette di farne a volontà ma ecco… le più belle, significative, le più simboliche stampiamole e raccogliamole sugli album fotografici; tutto avrà un altro gusto e un rinnovato antico piacere! E noi vi proponiamo i nostri album dal gusto un po’ antico: album personalizzati, con pagine in avorio e con le foto che devono attaccarsi proprio con la colla come si faceva tanto tempo fa! Ecco solo gli ultimi realizzati che troverete in negozio…

img_20161101_094221

dav

album bimbo

cof

cof


I vostri commenti