+39 320 1127789

I love pecorella nera

 

 

Un’antica leggenda narra di dover salutare le pecorelle per ricevere fortuna e denaro!

Così Gattacicova ha pensato di creare una simpatica serie di decori ed addobbi con pecorelle bianche e nere, pronte a portar nelle nostre case buona sorte e prosperità!

Ecco quindi un addobbo originalissimo per il nostro albero di Natale dal gusto un po’ provenzale e shabby: una palla ricoperta di stoffa con la simpatica pecorella che augura la dolce notte oltre che buona fortuna…

“Particolare simpatia ha sempre suscitato in me la figura della pecorella nera. La sua apparente diversità la differenzia dal gregge, rendendola unica e particolare, ma con quello stesso gregge così diverso da lei riesce a comunicare e convivere, mostrando con fierezza le sue peculiarità”

La palla di Natale con la pecorella nera è il regalo adatto per tutti gli amici ed i nostri cari dallo spirito sensibile e anticonformista.

 

…E via nel forno!

Quando una mattina,  la fantasia ha la meglio su tutto il resto,  ecco  che scegliamo cosa produrre: barattoli,  porta bicchieri,  lampade da comodino,  portatovaglioli…

E la pasta di mais si trasforma in pannocchia,  in melagrana matura e sgranata,  in piccanti peperoncini (siamo pur sempre calabresi)! La terracotta colo biscotto assume i colori più svariati, così come bordi e manici di biscottiere e piccole brocche. E poi non resta che scegliere la linea: peperoncini e aglio, agrumi, la linea dei funghi o dei frutti autunnali… A volte, parte tutto da una vostra richiesta per fare un regalo che è più  che altro un “dono” .

E così il forno a poco a poco si riempie fino a diventare traboccante come nella foto!

E con queste giornate che ormai hanno il sapore dell’autunno, niente di meglio che “covare” in bottega i nostri piccoli manufatti speciali, originali, fatti e dipinti a mano… insomma tutto secondo la tradizione “Gattacicova” in Crotone.

 

Il libro degli ospiti

 

il libro degli ospiti 

Un pensiero scritto dalle persone care è sicuramente il dono più bello che potremo ricordare nel corso degli anni grazie al “libro degli ospiti”

Sarà dolce, nel corso degli anni, rileggere un augurio speciale, una battuta simpatica, un segno, una parola…

E sebbene sia noto forse più come guestbook, noi di Gattacicova preferiamo chiamarlo libro degli ospiti… sarà forse un po’ vintage ma sicuramente si avvicina di più al nostro modo di essere e di lavorare.

le “succulente” di Gattacicova

le “succulente” di Gattacicova

Comunemente note come piante grasse, le piccole bomboniere “succulente” sono un rimando alla forza; resistono in modo tenace alla siccità e alla calura, immagazzinando nei periodi invernali l’acqua che poi permetterà loro di crescere nei periodi  estivi.

E’ quindi una bomboniera indicata per chi ha un carattere forte, tenace e volitivo, capace insomma di sopportare tutto … le temerarie succulente!

Trovano ristoro nei classici vasetti di cotto e attenti, che richiedono poche innaffiature… soprattutto quelle firmate Gattacicova  Crotone!

l’Augurello si nasconde in ogni casa fortunata.
Qualche anno fa, una cliente entra nella mia bottega e mi chiede:

– me lo faresti un agurello?

Dopo un momento di esitazione, candidamente rispondo:

– se posso, volentieri ma prima vorrei sapere l’agurello cosa sia!

La signora non aspettava altro ed è così che inizia la vita degli agurelli da Gattacicova.

Ringraziamo per le foto Il nostro amico fotografo:

 Roberto Carta

Spiritello protettore della casa

Ed inizia la storia:

mia nonna lo vide una volta! Era vestito quasi completamente di rosso, con le scarpe a punta, con un sonaglietto che usava per dar fastidio e soprattutto con un berretto rosso sempre a punta sulla testa.

Il racconto prosegue partendo dall’origine del nome secondo cui il nome “l’agureddu” sembra rifarsi ai “lares”, vale a dire i protettori della sacralità della casa in epoca romana.

è buono e giocoso ma, a volte, capriccioso e inquieto ed è per questo motivo bisogna curarlo il proprio agurello!

Si diverte, infatti, a fare rumori di notte per svegliarne gli abitanti, a nascondere gli oggetti per farli ritrovare un po’ di tempo dopo, a tirar capelli alle signore e pizzicotti ai bimbi.

Sempre la nonna le raccontò che secondo la leggenda popolare il folletto saltasse sull’addome degli uomini durante il sonno per far perdere loro il fiato per qualche attimo ma se in quel momento si riusciva a rubarne il berretto rosso ( a cui l’agurello era molto affezionato), egli avrebbe fatto di tutto per riaverlo, incluso esaudire un desiderio richiesto in cambio del berretto. Facendo sempre attenzione però, senza dimenticare mai l’animo discolo del folletto: il desiderio quindi si doveva chiedere sempre al contrario. ad esempio se si chiedeva denaro, si ricevevano pietre; al contrario, se si chiedeva qualcosa senza valore, allora si ricevevano denari ed ori. Solitamente il tesoro era da cercare presso un luogo nascosto ed indicato dal folletto stesso. Non bisognava mai restituire il cappello subito dopo l’accordo, ma soltanto dopo aver trovato effettivamente nel luogo indicato. Restituendolo immediatamente, infatti, se ne sarebbe beffato della promessa appena fatta e sarebbe scappato ridendo e sbeffeggiando.

Pur essendo dispettoso, solitamente “l’agurello” non era di animo cattivo e non infieriva mai sulla gente onesta ed ospitale.

Nella casa della nonna non mancavano mai alla sera, un bicchiere di vino e un tozzo di pane fragrante per rabbonirsi l’agurello della casa. Perché l’augurello per proteggere la casa e i suoi abitanti, aveva bisogno di carezze e di attenzioni nonostante qualche benevolo dispettuccio.

Lo feci, quel primo agurello e la signora ne fu felice e mi disse: ne vorrei regalare altri ai miei figli e nipoti, affinchè le tradizioni della mia famiglia e della terra in cui sono nata non si perdano del tutto.

L’inizio della tradizione

E fu questo l’inizio della storia, l’inizio di una tradizione che porto avanti da anni in bottega… e così nel periodo natalizio e a ridosso dell’anno nuovo che arriva, da me si trovano gli agurelli. E già ad ottobre, c’è chi entra e dice: l’anno scorso non ce l’ho fatta ma quest’anno lo voglio regalare!

Perché è un modo per augurare prosperità e gioia, sì forse mischiata ad un po’ di momenti discoli e tribolanti ma cos’è poi la vita di ogni giorno se non questa cosa che a volte ci mette a dura prova ma che poi ci premia e ci permette di andare comunque sempre e ancora avanti?

e non chiamiamola solo bomboniera

Regalare una bomboniera significa lasciare un ricordo di un lieto evento ad una persona cara con cui abbiamo deciso di condividere un momento per noi importante.

E’ un piccolo cadeaux che parla della cerimonia, dello stile di chi festeggia e che dice in un modo diverso : “Grazie di esserci” .

Le piccole bomboniere “Gattacicova” sono realizzate interamente a mano e possono diventare oggetti originali e unici se personalizzati  con  una data, con i nomi degli sposini, con la laurea del futuro dottore o semplicemente con una frase che ricordi un evento o una storia. Quindi ogni singola bomboniera rappresenta noi, la nostra festa, il nostro stile di vita, il ricordo che di noi vogliamo lasciare con il nostro unico e originale piccolo Cadeaux di Gattacicova e quindi… non chiamiamola solo bomboniera!

Come nasce un sogno

Nasce tutto dal concetto che niente è impossibile ma che tutto si può realizzare, come i sogni!

Così, un giorno, investendo un gruzzoletto in un manuale, inizia la nostra avventura.

La “pasta di mais” ha immediatamente incuriosito i nostri occhi e soprattutto le nostre mani: è infatti una pasta  malleabile e delicata, che non subisce mutamenti nel corso degli anni.

Già l’impasto richiede esperienza mista ad alchimia!

È un dosaggio perfetto di  colla bianca, amido di mais e qualche altro segretissimo ingrediente che, sul fuoco, diventa a poco a poco un impasto  morbido ed elastico.

È ormai dal 1999 che “coviamo” idee, che sperimentiamo colori, forme, cotture; è da anni che ricerchiamo ciò che soddisfa il nostro spirito attraverso la realizzazione di piccoli manufatti che, secondo noi,  hanno vita propria:  Sono nostre piccole creature, a cui dedichiamo tempo, attenzione, cura nel dettaglio e nelle finiture ed  il ritorno c’è poi, sempre,  negli occhi di chi guarda: stupore e complimenti soddisfano le ore a provare, a pasticciare, a raccogliere cose mal riuscite, a riprovare ancora e ancora fino al risultato che solo il sì corale  di Anna, di Mariella, di Silvana e di Luisella trasformano un pezzo di pasta di mais in  un cadeaux unico e originale,  realizzato completamente a mano dalla  bottega “Gattacicova”.


I vostri commenti